Asm Hydrasynth aggiorna il proprio firmware

I nuovi Ashun Sound Machines hanno avuto un enorme successo quando si sono immersi nel mondo dei sintetizzatori con l’introduzione di Hydrasynth in entrambe le varianti di tastiera e desktop alla fine dell’anno scorso. In definitiva, gli utenti hanno apprezzato una combinazione senza precedenti di metodi di generazione del suono e potenza di elaborazione, ancorata attorno a un esclusivo motore di sintesi del morphing delle onde digitali come un polifonico a otto voci i cui tre oscillatori possono tutti utilizzare una qualsiasi delle 219 forme d’onda a ciclo singolo disponibili.

Oggi, il rilascio dell’aggiornamento del firmware versione 1.5 per Hydrasynth porta una straordinaria gamma di nuove funzionalità e comportamenti a un sintetizzatore già sensazionale, iniziando con l’avanzamento del suo motore di sintesi dal suono unico con diversi passi avanti. In primo luogo, cinque nuovi modelli di filtri sono disponibili in FILTER 1 – vale a dire, LP Stn12, la versione ASM di un popolare filtro passa-basso da 12dB; LP 1 Pole, un filtro passa-basso delicato da 6dB; e LP 8 Pole, un ripido filtro passa-basso da 48dB; accanto a BP Stn12, un popolare filtro passa-banda da 12dB con doppia pendenza da 6dB; e HP Stn12, un popolare filtro passa-alto da 12 dB, che amplia il suo totale a 16 modelli di filtri. Nel frattempo, l’aggiornamento del firmware alla versione 1.5 aggiunge anche un secondo tipo di filtro multimodale a FILTER 2, con la possibilità di passare da LP / BP / HP (passa-basso / passa-banda / passa-alto) o LP / NOTCH / HP modalità di filtro (passa basso / notch / passa alto).

Inoltre, Hydrasynth ora beneficia del supporto della scala microtonale, aprendo un coraggioso nuovo mondo di espressione musicale oltre i 12 toni più diffusi nella musica occidentale per consentire la composizione e le esibizioni di qualsiasi cultura o disciplina armonica con 32 scale personalizzate caricabili tramite MIDI File standard di sintonizzazione. Inoltre, ora gli inviluppi possono essere attivati ​​da un massimo di quattro sorgenti, inclusi LFO (oscillatori a bassa frequenza), tastiera, ribbon, INPUT CV (Control Voltage) e input PEDAL – EXPRESSION, mentre in precedenza erano tutti attivati ​​solo dalla tastiera . Inoltre, gli stessi LFO sono stati aggiornati per consentire fino a 64 passaggi quando impostati in modalità Step, con una nuova funzione SemiLock per quantizzare questi passaggi per il controllo dell’intonazione degli oscillatori.

 

I miglioramenti a MOD MATRIX nell’aggiornamento del firmware versione 1.5 rendono la creazione di percorsi di modulazione un passo più semplice consentendo agli utenti di scegliere un parametro specifico in un MODULO come destinazione di modulazione tramite selezione diretta, creando così un collegamento tra la sorgente e la destinazione nel minor numero di possibili passaggi. Poiché la stessa MOD MATRIX è stata ampliata per consentire nuove destinazioni di modulazione con molti più parametri VOICE e macro aggiunti alle destinazioni, ora sono disponibili molte più opzioni di sound design.

ASM ha anche aggiornato la pagina RANDOM in modo che gli utenti possano impostare una percentuale di quanta randomizzazione avviene in ogni MODULO. Molte altre patch utilizzabili derivano da un’opzione di randomizzazione della seconda patch aggiunta che genera una nuova patch estraendo una selezione casuale di valori da altre patch, che a loro volta vengono selezionate casualmente da ogni banca combinando vari aspetti delle patch che sono già note per essere utile.

I moduli PRE-FX e POST-FX beneficiano entrambi dell’aggiunta di un nuovo effetto Distortion stereo, con controlli per Drive, Tone, Asymmetry e la curva Overdrive, oltre al livello di uscita.

La modalità LATCH sposta le cose in avanti e verso l’alto, consentendo agli utenti di premere un tasto e mantenerlo premuto finché il pulsante LATCH stesso è abilitato, ideale per patch ambientali e generative.

Le modifiche alla configurazione del sistema fornite dall’aggiornamento del firmware versione 1.5 includono uno stato di salvataggio del sistema, che consente agli utenti di avviare Hydrasynth con una patch a scelta; opzioni di temporizzazione più brevi in ​​modalità Vegas; supporto aggiuntivo (Buchla) 1.2V per ottava tramite CV OUTPUTS; un’opzione di selezione della modalità MIDI CC o NRPN, rendendo possibile l’automazione in DAW che non supportano NRPN, mentre quell’importantissimo controller a nastro assegnabile dall’utente ora può inviare NRPN o valori pitchbend: tutto ciò aiuta ASM a fare passi da gigante nell’avanzare la sua sensazione di Hydrasynth … immergiti più in profondità che mai!

Info: www.ashunsoundmachines.com

Vai alla barra degli strumenti