Takamine Fifteen Series

I sogni possono realizzarsi.
Fidatevi: così è accaduto alle chitarre che hanno preso il nome e la forza della montagna. Quella montagna si chiama Takamine e ai suoi piedi, nella piccola città di Sakashita, dal 1962 nascono le chitarre che sono state capaci di volare lontano grazie alla loro manifattura eccelsa, realizzando il sogno di essere suonate sui palchi più importanti del mondo e diventando inseparabili compagne di viaggio di artisti leggendari come Bruce Springsteen, Jon Bon Jovi, David Bowie, Eagles, Ramstein, Bruno Mars, Kenny Chesney, Garth Brooks, Kotaro Oshio e molti altri … Artisti sono riusciti realizzare il loro sogno e le cui composizioni sono state e continuano ad essere fonte di forza, resilienza ed ispirazione per i sogni di milioni di persone di ogni età, provenienza geografica e ceto sociale.

Le chitarre della Takamine Fifteen Series sono nate per dimostrare che il sogno di poter suonare e lasciarsi ispirare da una chitarra leggendaria è molto più semplice da realizzare di quanto si possa pensare ed offrono ad un prezzo incredibile tutto il sapore e le prestazioni di cui solo una vera Takamine è capace.

La Fifteen Series si compone di otto modelli di chitarre elettroacustiche con corde in acciaio negli shape Dreadnought a spalla intera e a spalla mancante e Grand Concert a spalla mancante. Gli strumenti hanno top in abete, fasce e fondo in mogano, tastiera e ponte in palissandro: tale combinazione di legni è dal secolo scorso garanzia di un timbro caldo ed al contempo definito, capace di “bucare” qualsiasi mix sia che ci si riferisca alla resa puramente acustica degli strumenti, sia che si parli delle loro performance in amplificazione. La finitura è per tutti modelli lucida per la cassa e satinata per il manico; traversino e capotasto sono in Tusq, materiale ormai unanimemente riconosciuto come superiore all’osso per ciò che concerne prestazioni e durata, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo su strumenti elettroacustici.

Info: www.gold-music.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti