Waldorf Music annuncia l’aggiornamento firmware per Quantum Synthesizer

Dopo aver iniziato il beta-test lo scorso anno, lo sviluppatore di sintetizzatori Waldorf Music è orgoglioso di annunciare la disponibilità del tanto atteso firmware versione 2.0 per la sua ammiraglia Quantum Synthesizer – un importante aggiornamento ricco di funzionalità incentrato su un nuovo tipo di oscillatore Kernel insieme a un serie di altre aggiunte e miglioramenti in linea con l’appellativo adatto dello strumento innovativo.

I dizionari definiscono la parola quantum come una quantità discreta di energia proporzionale in grandezza alla frequenza della radiazione che rappresenta. O, in alternativa, una quantità discreta analoga di qualsiasi altra quantità fisica, come quantità di moto o carica elettrica. Sicuramente l’ammiraglia del Quantum Synthesizer di Waldorf Music si adatta al conto facendo un altro salto di qualità in termini di capacità di sintesi sonora già superlative grazie al suo aggiornamento del firmware versione 2.0, centrato in definitiva attorno a un nuovo tipo di oscillatore del kernel per integrare i quattro (Wavetable, Waveform, Resonator, e Particle) algoritmi di sintesi già disponibili per ciascuno dei suoi tre oscillatori, aprendo ulteriori vie di seria esplorazione sonora a quegli artisti appassionati o ai sound designer esperti determinati a modificare o immergersi ancora più in profondità.

Allora, di cosa tratta questa nuova “oscillazione” del kernel? In parole semplici, si tratta di un approccio modulare in cui fino a sei cosiddetti operatori del kernel possono essere liberamente combinati in un singolo oscillatore. In effetti, ognuno è un oscillatore a sé stante, realizzando una varietà di timbri. Questi vanno dall’uso di forme d’onda sinusoidali e classiche tramite wavetable al rumore. Inutile dire che gli utenti potrebbero combinare, ad esempio, tre wavetable con un’onda sinusoidale e rumore all’interno di un singolo oscillatore del sintetizzatore quantistico. A prima vista, tutto va bene per qualsiasi cosa.

L’accesso a quei Kernel Operator chiaramente creativi è disponibile in due versioni. Per una progettazione audio intuitiva, senza la necessità di immergersi negli intervalli FM (frequenza modulazione), esiste una modalità modello innovativa con 14 modelli di fabbrica per creare suoni FM classici. Questi modelli dispongono ciascuno di cinque parametri sonori significativi ciascuno e altri cinque parametri macro sono disponibili nella matrice di modulazione principale del sintetizzatore quantistico. Inoltre, la creazione e lo scambio di modelli utente è perfettamente possibile.

Per l’editing su larga scala dei kernel – dove ciascuno potrebbe essere concepibile come un singolo wavetable, una forma d’onda classica o un rumore – e tutti i loro parametri, la modalità Full Edit significa: modulazioni individuali della frequenza audio tra i kernel – classica fase FM, vero FM, posizione wavetable (che consente strane strutture nella frequenza audio), modulazione di ampiezza e modulazione ad anello; auto-feedback del kernel; patching dei kernel in algoritmi con un massimo di tre input di modulazione per ciascun kernel; preset di algoritmo FM classico; inviluppo individuale a doppio decadimento per ciascun kernel; ridimensionamento a tre segmenti di livello individuale su un intervallo di chiavi per ciascun kernel; cinque parametri macro per ciascun oscillatore del kernel; controllo della matrice di modulazione a sei slot dei parametri macro all’interno di ciascun oscillatore del kernel (con destinazioni di modulazione per ciascun kernel inclusi Level, Pan, Pitch, Freq Offset, Feedback, Wavetable – consentendo modulazioni cross-wavetable, Attack e Decay); sei modalità di pitch per ciascun kernel (Ratio, Sub-Ratio, Radio + Offset, Semitones, Fixed e LFO); controllo di fase individuale per ciascun kernel; e importazione del formato FM legacy.

È perfettamente possibile, quindi, vedere le abilità di sintesi del Kernel del Quantum Synthesizer come un kit di costruzione di oscillatori, consentendo approcci tradizionali come un synth FM a sei operatori, oltre a fornire uno spazio sperimentale per tecniche di sintesi rivolte al futuro.

Ma non è tutto. Il tanto atteso firmware versione 2.0 per l’ammiraglia Quantum Synthesizer di Waldorf Music aggiunge anche una serie di altre aggiunte e miglioramenti in linea con l’appellativo adatto dello strumento innovativo. Pertanto, il miglioramento del motore di sintesi Wavetable viene fornito da tre nuove modalità di visualizzazione dell’interfaccia utente: 3D, Wave e Spettro (con le ultime due che riflettono i parametri Fase, Posizione, Passo, Limite, Spettro e Luminosità).Il campionamento (nella modalità non granulare di Particle e Resonator) presenta nuovi parametri di direzione (Avanti e Indietro) e rispetta anche le modalità Loop (incluso il PingPong appena aggiunto) mentre c’è anche una funzionalità di dissolvenza incrociata per i loop; la posizione iniziale del campione può essere utilizzata come destinazione della modulazione nella matrice di modulazione; una nuova schermata Modifica per Particle and Resonator mostra tutte le singole impostazioni per ciascuna voce di esempio nella Mappa campione; sono ora disponibili varie opzioni di zoom e selezione; e c’è un controllo a grana fine per i punti di inizio e fine del campione, nonché i punti di inizio e fine del loop. Ci sono anche nuovi parametri di livello di uscita e pan per il filtro analogico e il primo digitale. Il display Routing ora mostra i nomi e lo stato del tipo di effetto. Viene ora mostrata una curva di inviluppo con ridimensionamento automatico. Il codificatore di destinazione può ora essere spinto per sfogliare gruppi di destinazioni Matrice di modulazione. Esiste una nuova modalità Sequencer con un massimo di otto tracce parametri e le schermate Arp (arpeggiatore) e Seq (sequencer) sono ora unite in una schermata comune. La sincronizzazione ora mostra i valori musicali per i rapporti di sincronizzazione. La modifica avanzata è abilitata premendo l’encoder Display per alternare tra le modalità Normale, Fine e Super, e se un parametro della riga inferiore viene modificato e attivo, quel parametro può anche essere modificato con l’encoder principale mentre è attivo. La navigazione dei file ora reagisce all’encoder principale per lo scorrimento e quando si eseguono routine di apertura / salvataggio, mentre premendo l’encoder principale si selezionano anche le opzioni durante lo scorrimento dei menu. I dispositivi di archiviazione USB sono ora supportati. Le funzioni di Editor file audio estese includono zoom, scorrimento, selezione e modifica (varie funzioni Normalizza, Rifinisci, Taglia, Dissolvenza in entrata / uscita, Inverso e Silenzio); Annulla / Ripeti a livello singolo; Trigger della registrazione (manuale, nota e soglia del segnale); Input VU, Input Monitor Level e Physical Recording Level. I miglioramenti della gestione delle patch includono: un nuovo filtro di funzionalità da utilizzare con i suoni Arp, Seq, Mono e Layered e altro; una nuova azione di eliminazione in blocco Carica il menu delle azioni sullo schermo; una capacità di esportare patch con campioni: tutti i campioni correlati verranno inseriti in una sottodirectory Samples all’interno della directory di esportazione; i campioni corrispondenti alle patch nella sottodirectory Samples verranno importati e se esiste già un campione nella memoria flash interna, non verrà copiato. Uno screen saver può essere impostato per funzionare dopo un numero selezionato di minuti per proteggere il display principale dal burn-in se il Quantum Synthesizer viene lasciato in funzione per ore e ore senza essere toccato.

Info: www.waldorfmusic.com

Info: www.soundwave.it

Vai alla barra degli strumenti