Roland presenta la nuova linea di sintetizzatori JUPITER-X

Roland, costruttore e distributore leader di strumenti musicali elettronici e di prodotti video professionali, presenta JUPITER-X, una nuova serie di sintetizzatori di qualità assoluta dotati di una vasta selezione di suoni e di funzioni dedicate alla composizione e alla performance. A partire dal JUPITER-4 nel 1978, il nome JUPITER ha rappresentato il vertice dell’innovazione e della qualità dei sintetizzatori Roland. JUPITER-X continua questa tradizione, combinando il design classico e l’eccezionale qualità costruttiva Roland con un nuovissimo generatore di sintesi e la miglior meccanica della tastiera mai realizzata. Il compatto JUPITER-Xm è dotato di una tastiera più sottile a 37-note e sarà disponibile a settembre del 2019. L’ammiraglia JUPITER-X è dotato di una tastiera a 61-note di dimensioni standard e sarà disponibile nel secondo quadrimestre del 2020.

Flessibile e completo, il generatore sonoro di nuova generazione del JUPITER-X consente agli utenti di entrare nella lunga tradizione Roland di suoni che hanno definito interi generi e di combinarli per esplorare territori timbrici mai tracciati. Classici analogici ricercatissimi come JUPITER-8, JUNO-106, SH-101, e altri ancora vengono riprodotti nel modo più fedele, insieme a macchine digitali come l’XV-5080 vintage e i moderni pianoforti RD. Sono anche disponibili i suoni delle drum machine Roland che costituiscono le fondamenta della musica dance ed elettronica, incluse le TR-808, TR-909, TR-707, CR-78, e altre.

La rivoluzionaria funzione I-Arpeggio di JUPITER-X impiega l’intelligenza artificiale per accompagnare l’esecuzione dell’utente e ispirare nuove idee musicali. I-Arpeggio prende le note, i ritmi e le frasi creati dall’esecutore e le usa per sviluppare in tempo reale parti di batteria, linee di basso, accordi e linee arpeggiate complementari. Funziona simultaneamente su ognuna delle cinque parti di JUPITER-X, e i pattern generati possono essere personalizzati e anche esportati in una DAW.

Costruito per creare musica improvvisando, JUPITER-X è dotato di un display informativo e di un vasto arsenale di manopole, cursori e pulsanti grandi e comodi. E con la sezione effetti dedicata e la selezione rapida dei layer di sintesi, l’utente può prendere il controllo immediato di ogni aspetto del suo sound. Questo tipo di controllo naturale e immediato offre all’esecutore la sensazione di entrare e di toccare il suono, modificandolo per trovare le impostazioni giuste in ogni momento.

La struttura sonora di JUPITER-X include cinque parti: quattro per i sintetizzatori e una per la batteria. Il suo generatore può ricreare in modo autentico più classici Roland simultaneamente, come JX-8P o JUPITER-8 con una polifonia sufficiente per generare layer corposi e parti di accompagnamento complesse. Con una vasta polifonia a disposizione, gli utenti possono creare liberamente suoni multitimbrici, split e parti di accompagnamento senza limitazioni nella complessità degli accordi o nelle idee musicali.

JUPITER-X è disponibile in due formati per adattarsi ai diversi lifestyle e flussi creativi. L’ammiraglia JUPITER-X offre una spaziosa disposizione dei controlli con una tastiera standard a 61 note dalla suonabilità eccezionale. Compatto ma estremamente potente, il modello JUPITER-Xm è un ambiente completo per la produzione e l’esecuzione di musica elettronica, con una tastiera più sottile a 37 note e il supporto del funzionamento a batterie.

Info: www.roland.com

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti