Successo per l’edizione 2019 del FIM di Milano

La settima edizione del FIM, la seconda a Milano come Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, ha riscosso quest’anno un successo senza precedenti, con oltre 2.600 studenti e 400 insegnanti provenienti da una cinquantina di scuole e istituti comprensivi di tutta Italia che hanno affollato nei giorni 16 e 17 maggio scorsi la Piazza delle Città di Lombardia, sede del FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale.

Dopo l’inaugurazione che ha visto la presenza di Alessandro Mattinzoli, Assessore allo Sviluppo Economico e Produttivo della Regione Lombardia, Verdiano Vera, ideatore del progetto FIM e Linda Cavallero, coordinatrice della manifestazione, il Salone ha preso il via con un calendario di appuntamenti all’interno del quale, dalle ore 9.30 alle ore 17.30 di ogni giorno, i tutor del FIM, diretti da Giovanni La Grotteria e Chiara Cameirana, coordinatori del programma Educational del FIM, hanno accompagnato le classi di studenti in un intenso programma di laboratori allestiti dai content partner. A completamento del percorso su vari aspetti della attuale e più avanzata ricerca musicale dei laboratori, i ragazzi si sono esibiti con le loro orchestre sul palco FIM Theater dell’adiacente Auditorium Testori.

Al FIM, i giovani studenti hanno vissuto una giornata di musica un po’ diversa da quella del loro quotidiano extra-scolastico: hanno toccato argomenti per loro stimolanti, hanno provato nuove esperienze su strumenti curiosi e installazioni tecnologiche, hanno conosciuto altre scuole, produttori di strumenti e servizi per la musica, hanno suonato con la loro orchestra su un palco vero con strumenti e fonici a loro completa disposizione, ripresi in diretta video streaming sul sito web del FIM. Soprattutto, hanno potuto confrontarsi con gli altri, ascoltando le esibizioni dei loro coetanei, ma anche quelle delle numerose band ospiti dell’attraente FIM Social, il palco/studio di registrazione allestito all’interno di un suggestivo BoxGlass (il cui ascolto dall’esterno era possibile anche tramite cuffie wireless).

Passando per Casa FIM, il set tv diretto dal giornalista Piero Chianura, anch’esso in diretta streaming e sede di un fitto programma di incontri di alto profilo istituzionale e professionale, intercalati da brevi Pocket Concert, i ragazzi hanno potuto intercettare anche le parole di ospiti autorevoli destinate a chi si occupa di formazione, di innovazione e, in definitiva, al loro stesso futuro di appassionati di musica in tutte le forme possibili, professionali o amatoriali.

Nell’area espositiva, i partecipanti hanno potuto osservare e provare, tra gli altri, anche gli strumenti candidati al Premio Leonardo per l’Innovazione Musicale, istituito dal FIM in occasione della ricorrenza dei 500 anni dalla morte del genio del nostro Rinascimento: una quindicina di progetti selezionati tra i sessanta iscritti alla prima edizione di questo nuovo contest, già un successo per numero di partecipanti e qualità delle proposte.

Prima e dopo la loro esibizione in Auditorium, i visitatori hanno potuto anche assistere ai FIM Talk, presentazioni di progetti e strumenti curati da espositori e partner del FIM, e compilare il questionario realizzato per FIM da DeBug, che ha indagato sulle loro abitudini di ascolto e di pratica musicale.

L’entusiasmo degli studenti è stato palpabile per tutto il tempo della loro permanenza al FIM, evidente sia agli espositori che agli stessi organizzatori, i quali sono ora sommersi da feedback positivi da parte degli insegnanti delle scuole che hanno accompagnato i ragazzi e che hanno già espresso la loro intenzione di riconfermare la loro presenza anche per la prossima edizione.

Quando nel tardo pomeriggio le scuole hanno lasciato la piazza, la programmazione del FIM è proseguita per il pubblico già accolto gratuitamente all’interno dello spazio espositivo e presso i palchi del FIM, compreso quello dell’Auditorium Testori, sede di tre serate speciali: quella inaugurale con le performance del FIM Live InnovAction (15/5), la serata Cluster “Allievi in Concerto” (16/6) e la serata prog Da Vinci’s Spirit (17/5).

La piazza del FIM ha ospitato anche “It’s Your Time”, il secondo Contest Nazionale di Sequenza Mixata dei Deejay Emergenti Italiani, a cui si sono iscritti oltre una settantina di dj provenienti da tutta Italia. Un successo di iscritti che ha riguardato anche gli altri concorsi Fim Rock Contest, PAE e VIC i cui vincitori hanno ricevuto al FIM il loro meritato premio.

Info: www.fimfiera.it

Vai alla barra degli strumenti