Orange: Crush CR60C, svolta a transistor

Ecco che quelli della Orange Amplifier, uno dei marchi storici dell’amplificazione valvolare, più riconoscibili e rinomati, si butta di testa contro corrente ed esce con un nuovo amplificatore a stato-solido, a transistor insomma, con pure un riverbero digitale.

Ora che praticamente tutti si rivolgono al vintage, vero o emulato, che tutti non fanno che rievocare gloriosi suoni e spiriti dal passato, Orange produce il nuovo combo Crush CR60C, “una nuova alba” dicono dalla casa, il primo amplificatore arancione a stato solido ad alta potenza.
Perchè? “Suona bene“, dicono. Noi il perchè ce lo stiamo ancora chiedendo.

Orange-Crush-CR60C-Top-Front

Orange ha speso diversi anni a sviluppare e testare un amplificatore a stato solido di cui potessero andare fieri anche dei nerd della valvola come loro. Si apprezza se non altro il fatto che l’abbiano mantenuto semplice, senza bombardare gli utenti con mille funzioni che non vuole nessuno su un ampli Orange. Il risultato è un bel combo da 60W con amplificazione analogica a transistor a due canali, dirty e clean, ovviamente.

Con forti reminiscenze del Rockerverb, questo Crush CR60C ha un distorto basato su quattro stadi di guadagno e una equalizzazione classica a tre bande, in grado di andare dagli overdrive abbastanza miti fino a distorti aggressivi.
Il canale clean invece ha due stadi di guadagno, eq a due bande e un suono bello caldo che arriva fino ad una leggera saturazione, più o meno come il Rockerverb.
Colpo di grazia finale per i puristi, ma buona notizia per gli amanti della versatilità, l’integrazione di un riverbero digitale di tipo hall o plate.

Orange-Crush-CR60C-top

Il Crush CR60C da fuori sembra davvero un Rockerverb, con la sua bella retina, il Tolex arancio e il cono 1×12″.
E allora perchè non comprarsi un Rockerverb, vi starete chiedendo?
Ci sono circa mille ragioni sonanti per chi ama il suono Orange ma non ha 1500€ per un Rockerverb. Il CR60C costa infatti circa 430€.
Suonerà anche bene come un Rckerverb?
A voi la sentenza, a questo link potete sentire una brevissima prova di presentazione (Link).

Info: www.orangeamps.com

 

Vai alla barra degli strumenti