Music Man: Armada, la chitarra che divide i fan

Nel mondo di oggi, dove davvero c’è tutto ed il contrario di tutto, è molto difficile stupire inventando qualcosa di nuovo che sappia davvero colpire. Nel mondo delle chitarre poi la concorrenza spietata ed una certa stagnazione, che hanno fatto virare il mercato più verso una filosofia conservatrice piuttosto che innovatrice, hanno reso questa ambizione ancora più ardua da realizzare.
Music Man, marchio di chitarre tra i più famosi al mondo e che può contare su modelli best-seller come le signature di Steve Lukather e John Petrucci, ci prova con una nuova chitarra dal look ardito, la Armada, che ha già visto dividersi l’opinione di fan e specialisti tra estimatori e detrattori.

La Armada punta tutto su di un aspetto assolutamente non convenzionale che richiama dettagli vintage ma punta decisamente a conquistare chitarristi che cercano qualcosa di nuovo per mettersi in mostra non solo per la qualità del loro playing ma anche per l’eccentricità del loro strumento.
Probabilmente ‘eccentrico’ è proprio il termine esatto per una chitarra dallo stile modern-vintage che presenta caratteristiche interessanti.

Dal punto di vista liuteristico parliamo di una chitarra contrassegnata dal corpo realizzato in mogano con due top che coprono il corpo in modo complementare, uno in mogano per la parte inferiore ed uno in acero dalla peculiare forma a V per la parte superiore di ponte e pickups.
Il manico è anch’esso in mogano con tastiera in palissandro da 22 tasti. La scala è la classica intermedia di Music Man da 24.75” ed il manico è inserito nel corpo con la tecnica neck-through-body.
I pickup sono due humbucker Music Man Custom ed il ponte è fisso.

Non una chitarra rivoluzionaria dal punto di vista del suono o della suonabilità, poiché conserva nella quasi totalità le caratteristiche dei classici di questa casa americana dalla lunga esperienza.
Ovviamente è l’aspetto esteriore a fare la differenza, e che farà la differenza tra il successo e l’occasione mancata. Personalmente, dopo le prime perplessità, sono rimasto affascinato dalla combinazione del top in mogano piatto e del top in acero figurato bombato. E’ una chitarra che si fa notare. Ammetto che tra le sette combinazioni di colori proposte non tutte sono il massimo ma tre o quattro mi hanno convinto.

Aspettando magari di poterci mettere le mani sopra posso ricordare che anche la Flying V della Gibson in origine lasciò tutti perplessi e poi è diventata quello che è diventata quindi, a tutti gli scettici della prima ora, consiglio di lasciarsi incuriosire.

Info: www.mogarmusic.it

Info: www.music-man.com

Vai alla barra degli strumenti