Gibson: Billie Joe Armstrong Les Paul Junior

La Les Paul Junior fu presentata per la prima volta da Gibson nel 1954 come modello più economico per studenti, “la sorella minore” della Les Paul Standard. Da allora è diventata semplicemente la chitarra preferita di un gran numero di chitarristi punk e rock, amata per la sua suonabilità e potenza diretta. Non stupisce quindi che questo strumento semplice e funzionale sia piaciuto moltissimo al più grande punk rocker di questa generazione, Billie Joe Armstrong dei Green Day.

Billie Joe ha usato la Gibson Les Paul Junior fin dal suo inizio con i Green Day. In onore della sua fedeltà a questo modello Gibson ha deciso quindi di produrre la Billie Joe Armstrong Les Paul Junior Double Cut, sorella della single-cutaway e sempre aderente alla stessa filosofia senza fronzoli e tutta rock ‘n roll.

E’ stata disegnata ad immagine e somiglianza del modello di fine anni ’50, costruita con legni selezionati ed equipaggiata con una riedizione migliorata dei famosi pickup Gibson P-90, gli H-90 in grado di avere una maggiore cancellazione del rumore.

Persino la grafica è molto essenziale per rispecchiare lo stile abbastanza minimalista di questo modello nel tempo. I legni però sono il segreto. Una tavola di mogano di prima scelta, per armoniche ricche e bilanciate e un sustain molto lungo. La finitura è definita “TV Yellow” con laccatura in nitrocellulosa. Il manico, un unico pezzo di mogano, è preso dai modelli dei primi anni ’60, sottile e confortevole; la tastiera invece è in Granadillo scuro, un legno esotico proveniente dall’America Centrale molto duro e simile al palissandro ma anche più durevole.

Di certo se inizialmente era stata concepita come modello per studenti a basso costo ed alta resa, questa edizione signature non lo è più, proprio per la sua natura di signature a tiratura limitata. Il prezzo è infatti simile a quello di un Les Paul Standard, 1899$.

Info: www.gibson.com

 

Vai alla barra degli strumenti