iZotope: Alloy 2, mixing sei in uno

iZotope Alloy fu inventato per essere per la fase di mixing ciò che l’ottimo Ozone è per la fase di mastering: in un solo step avere un software che finalizzasse il mix.
Da qualche giorno è uscita la seconda versione di Alloy, che offre un’interfaccia completamente aggiornata, controlli più efficienti, una nuova funzione di gestione dei transienti, un modulo Exciter nuovo, filtri Eq aggiuntivi e altro ancora.

Alloy 2 è di fatto un pacchetto plug-in con sei strumenti in uno: Equalizer, Dynamics, Exciter, De-Esser, Transient Shaper e Limiter. La qualità del suono può essere gestita con molta precisione, bilanciando il pezzo tra un mix in stile vintage e moderno. La latenza è stata migliorata, permettendo di lavorare anche in fase di tracking a ritardo zero.

Come per Ozone gli oltre 250 preset aiutano a lavorare non partendo da zero, risparmiando tempo per i più esperti e dando un punto di partenza valido e di indirizzo per chi se ne intende di meno.
La nuova versione include il sidechaining per il trigger della sezione Dynamics da un altra traccia del mix. Il Crosschaining invece permette di farlo con una diversa banda di frequenza ma sulla stessa sorgente in input per ottenere effetti di compressione e gating innovativi.

Il prezzo di lancio è di 125 euro, non pochi, anche se iZotope non ha mai sbagliato un colpo e si è sempre dimostrata una azienda dalla qualità davvero notevole e costante nel tempo.

Info: www.izotope.com

 

Vai alla barra degli strumenti