Kemper: Profiling Amplifier, ‘ruba’ l’anima degli amp

Con Kemper Profiling Amplifier ogni chitarrista può trasferire il proprio suono da testata e cassa, o amplificatore vintage, in un singolo hardware digitale in formato compatto e facilmente trasportabile.
KPA sviluppa un concetto diverso dal semplice modeling digitale disponibile su molti software, riesce a catturare digitalmente, inviando dei toni di test all’amplificatore e analizzando come questi gli vengono restituiti, l’impronta sonora di qualsiasi setup per chitarra e la riproduce, con la possibilità poi di modificarla ulteriormente per rendere il suono ancora più simile o migliorarlo secondo le proprie esigenze.

Molti modelli virtuali di amplificatori, da software a software, suonano ben diversi uno dall’altro. Questo perchè spesso viene fatta una scelta di impostazioni, cabinet e microfonazione diversa ogni volta. Una scelta inevitabile che però incide altrettanto inevitabilmente sul suono finale. Con KPA è possibile invece avere un profilo per ogni combinazione di setup, cassa, microfoni, posizioni dei microfoni e tipologia di valvole, che il proprio amplificatore valvolare o meno è in grado di fornire. Offre inoltre una comoda e accurata modalità di confronto A/B, per verificare la corretta profilazione.

Se si sono ottenuti in studio suoni superlativi, da costosi amplificatori valvolari vintage, è possibile ottenere facilmente i relativi profili, ‘rubandoli’ dagli originali ed utilizzarli ovunque e in qualsiasi momento. I profili possono essere ulteriormente elaborati o arricchiti con gli effetti professionali inclusi in KPA, e le variazioni salvate e richiamate in alternativa al suono originale. Se si sta pianificando un tour,  invece di portare dal vivo un carico di rari e fragili amplificatori vintage, ora è possibile profilarli e portare con se solo il KPA.

Il “Profiling”, per entrare nel dettaglio, è una nuova tecnologia creata da Kemper, in grado di catturare il suono e il comportamento specifico di qualsiasi amplificatore valvolare per chitarra. Per eseguire una profilazione basta collegare KPA all’ingresso dell’amplificatore e ad un microfono posizionato davanti al cabinet. Un apposito segnale di test verrà inviato da KPA all’amplificatore e riacquisito attraverso il microfono, catturando il DNA sonoro dell’ampli.

Il prezzo del KPA non è ne basso ne alto, dipende dal valore che ognuno saprà dare a questo notevole esempio di tecnologia all’avanguardia applicata alla musica. Se usato in modo proprio e professionale i circa 1500 euro del suo prezzo non saranno nulla di fronte alle decine di amplificatori da migliaia di euro che potrete ‘rubare’ e salvarci.

Info: kemper-amps.com

Info: www.soundwave.it

 

Vai alla barra degli strumenti