Casio: XW-P1, il primo synth dal 1988

Stiamo sempre in tema di anteprime, che in questi giorni prima del NAMM, la più grande fiera di strumenti musicali al mondo, arrivano a decine. Parliamo di Casio, che quest’anno ritorna dopo più di vent’anni su una categoria di prodotto come il sintetizzatore. Questo di per se basta per accendere un segnale di allerta per gli operatori del settore. Se una grande casa come Casio torna a produrre un synth dovrà pur avere un asso nella manica.

Si chiamerà XW-P1 e sarà un synth ibrido con una sezione mono che potrà contare su 6 oscillatori dedicati: due virtual analog, due PCM, generatore di rumore e da audio esterno. La sezione polifonica invece avrà una vasta serie di suoni già pronti per suonare sia in studio che dal vivo.

Si sa anche che ci sarà una modalità organo con una simulazione di drawbar e uno step-sequencer a nove tracce con una traccia dedicata al groove di batteria. Un synth quindi che punta molto sulla versatilità.

Uno degli assi nella manica di questo synth potrebbe essere proprio il prezzo, atteso attorno ai 700$, anche se ancora non c’è una vera e propria certezza. Un prezzo che, se fosse confermato, potrebbe far preferire questo XW-P1 come synth di appoggio per tastieristi live che hanno già una tastiera digitale principale, rispetto ad altri prodotti che stanno sopra i 1000 o anche 2000 euro.

Info: www.casio-europe.com/it

 

Vai alla barra degli strumenti