Un parco per Jimi Hendrix

C’era bisogno di riaffermare che Jimi Hendrix è stato uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi? Credo proprio che nessuno abbia dei dubbi. La rivista Rolling Stone poi si spertica nuovamente con l’ennesima classifica che lo nomina “Miglior Chitarrista” di tutti i tempi.
Per il 2012, anno in cui il Jimi avrebbe compiuto 70 anni, la Jimi Hendrix Park Foundation ha in programma l’apertura di un parco a suoi nome come spazio pubblico antistante il "Northwest African American Museum".

Perché tutto questo, ci si potrebbe chiedere? Perché la fondazione in un periodo non certo di economia florida anche negli USA pensa di spendere circa 2 milioni di dollari per celebrarne la già celebratissima memoria?
Perché la memoria è come un sottile filo rosso che lega le generazioni future a quelle passate. Spezzare questo filo significa lasciare andare lentamente alla deriva i ricordi delle glorie del passato impedendo loro di insegnare qualcosa ai posteri.

In realtà esiste anche un secondo perché. Il business legato all’immagine di Jimi Hendrix è ancora ben lungi dall’essersi estinto. L’ultimo album ‘Valleys of Neptune’ contenente pezzi inediti e registrazioni mai pubblicate di pezzi già editi, uscito nel 2010, ne è la dimostrazione. Le royalties su dischi e videogiochi hanno ampiamente ripagato il costo di questo parco, che verrà costruito soprattutto grazie alle donazioni della sorella Janie.
Tenere viva la memoria di un mito vuole anche dire tenerne vivo il business legato all’immagine.

Questo però non deve oscurare quanto di virtuoso c’è in questa iniziativa, che regala a Seattle un nuovo spazio per lo svago e per i concerti, a forma di chitarra ovviamente, con viali lungo i quali saranno poste pietre con scolpiti ad imperitura memoria i testi delle canzoni più famose di Hendrix.

Un ragazzo con la chitarra che a suo modo è davvero riuscito a cambiare il mondo e le persone catturate dalle sue note merita un luogo dove le sue parole ed altre note possano vivere ancora a lungo.

Luca “Luker” Rossi

Vai alla barra degli strumenti