Homepage festival 2018 con Cesareo, Marco Sfogli e Gianni Rojatti

Martedì 10 e mercoledì 11 luglio a Udine, si svolgerà l’undicesima edizione dell’Homepage Festival, una due giorni di lezioni, conferenze e live con tre tra i più apprezzati chitarristi rock italiani: Cesareo, Marco Sfogli e Gianni Rojatti.

Quello in questione si tratta di un evento dedicato alla chitarra elettrica, regina incontrastata e strumento protagonista della musica rock, per studiarla, approfondirla e ascoltarla nelle sue sfumature, contaminazioni e pronunce più attuali e suggestive. Dunque un appuntamento aperto a tutti, dal chitarrista più esperto che vuole affinare il suo linguaggio confrontandosi con tre eccellenze della musica italiana, al principiante che cerca stimoli e suggestioni con le quali alimentare la sua voglia di studiare e suonare. Ma anche per il semplice appassionato di musica rock che potrà godersi dal vivo scorci di grande musica e performance chitarristiche esaltanti.

I tre chitarristi Cesareo, Marco Sfogli e Gianni Rojatti terranno workshop individuali in cui, grazie a un’analisi e spiegazione del proprio stile e repertorio, forniranno ai partecipanti una panoramica ampissima di nozioni tecniche e teoriche. I tre musicisti si metteranno a disposizione dei partecipanti tanto per parlare di fraseggio, suono, tecnica e musica che per condividere esperienze e aneddoti della loro carriera.

Si inizia martedì 10 luglio alle 17.30 al Caffè dei Libri con il WORKSHOP di Gianni Rojatti, considerato uno dei chitarristi più significativi del panorama rock strumentale italiano. In questo ambito ha inciso alcuni degli album più considerevoli degli ultimi anni. Con il suo duo Dolcetti è apprezzato a livello internazionale come una delle proposte virtuosistiche più estrose e originali della scena progressive.

La giornata si concluderà alle 20:30, sempre al caffè dei Libri di Via Poscolle, con “SPAGHETTI ALLA CHITARRA”, una cena tra chitarristi, per chitarristi con special Guest Marco Sfogli (su prenotazione scrivendo a: [email protected])

Mercoledì 11 luglio appuntamenti fin dal mattino in Sala Ajace.

Alle 10:30 il WORKSHOP di Marco Sfogli, punta di diamante internazionale della chitarra progressive. Il chitarrista si è fatto apprezzare in tutto il mondo per le sue collaborazioni con James LaBrie dei Dream Theater e per la sua band Icefish con Virgil Donati alla batteria. Dotato di una tecnica e di un gusto melodico impareggiabili, è l’attuale chitarrista della PFM.

Nel pomeriggio, alle 15:30 WORKSHOP di Cesareo: con “Elio & Le Storie Tese” ha scritto alcune delle pagine più accattivanti, colte – e insieme irriverenti – della musica italiana. Musicista dotato di una tecnica sopraffina e una versatilità straordinaria ha saputo coniare come pochi virtuosismo, ricerca melodica e sensibilità per gli arrangiamenti.

Dalle 20:30 CONFERENZA & LIVE MUSIC: un team di giornalisti musicali e esperti composto da Andrea Ioime (Il Friuli), Francesco Antonini (Il Gazzettino) e Roberto Mete (avvocato udinese, collaboratore de Il Mucchio Selvaggio), coinvolgerà Cesareo, Marco Sfogli e Gianni Rojatti nell’appuntamento conclusivo della due giorni. Una tavola rotonda dedicata alla chitarra rock, nella quale – con il coinvolgimento del pubblico – si parlerà di dischi e chitarristi decisivi nella storia della chitarra e di quale sia lo spazio riservato alla chitarra rock oggi, nella scena musicale attuale. L’incontro sarà moderato dal giornalista Nicola Angeli di Udine Today.

La serata si concluderà con un’incandescente esibizione live dei tre musicisti accompagnati da una sezione ritmica con Erik Tulissio alla batteria, Walter Sguazzin al basso e Roberta Carnelos alla voce.

Inoltre, la sera dell’11 luglio, sarà presente un’eccezionale esposizione di chitarre elettriche Ibanez, l’iconico modello che, imbracciato da virtuosi come Steve Vai, Joe Satriani e Paul Gilbert, ha rivoluzionato il suono e il linguaggio del solismo Rock degli ultimi decenni. Artefici dell’esposizione Fabio Gobbi e Michele Rumagnoli, conosciuti come “Fago & MIgi” due dei più autorevoli guitar tech italiani. Vi ricordiamo inoltre che la due giorni è aperta al pubblico.

Info: Homepage Festival

Vai alla barra degli strumenti