Zylia: microfono multi-track per registrazioni live semplici

Talvolta quando si prova o si suona dal vivo si vorrebbe avere un sistema per avere una registrazione qualitativamente valida ma senza tutte le complicazioni che questo comporta. Microfonare tutti gli strumenti, interfacciarsi con un mixer o con un interfaccia audio, settare tutti i microfoni e regolare le impostazioni. Oltre al costo dell’attrezzatura necessaria, questo processo richiede tempo e conoscenze tecniche che non tutti hanno. La maggior parte delle band vorrebbe semplicemente prendere gli strumenti e suonare. Zylia è un sistema che potrebbe semplificare molto questo processo.

Zylia è composto da Zylia ZM-1, un microfono multi-traccia a forma di sfera che contiene ben 19 capsule microfoniche per una copertura a 360°, e da Zylia Studio, un software che consente di ‘separare’ le tracce dei singoli strumenti e poi mixarle per ottenere un mix bilanciato e qualitativamente migliore di quanto si avrebbe con uno smartphone o un registratore stereo.
Il concetto è che tutti i microfoni di Zylia si comportano un po’ come fanno le nostre orecchie, ascoltando e dando più importanza ad un suono piuttosto che ad un altro. Posizionando opportunamente il microfono al centro della band è quindi possibile creare delle zone privilegiate che poi verranno divise in tracce in modo molto semplice tramite il software.

Zylia registra in qualità 24 bit / 48 kHz e, cosa che lo rende molto pratico, si connette direttamente al proprio laptop tramite porta USB permettendo di ridurre al minimo il necessario per registrare un’intera band.
Si può registrare un numero qualsiasi di strumenti, ovviamente più sono e più il sistema farà difficoltà a separarli tra di loro. Si, perchè l’altro grosso vantaggio è che grazie al processing multiplo dei segnali provenienti dai diversi microfoni, Zylia separa automaticamente le sorgenti principali e rimuove i rumori di sottofondo. Non servirà quindi essere dei tecnici per mixare le proprie sessioni, ma solo agire su parametri semplici delle singole tracce come volume e pan. Si può decidere di ottenere una master track in pochi minuti oppure di trasportare tutto in una DAW per rifinire il progetto.

 

Il sistema completo costa 999$, che di primo impatto in effetti sembrano un sacco di soldi, ma se ci pensiamo per una band che suona e registra demo o live che vuole riutilizzare per video, proposte discografiche, demo, archivio e composizione, avere un sistema così semplice rispetto all’alternativa di una microfonazione completa, non è poi così alto.
Si tratta di una startup che terremo d’occhio, poichè l’idea non mi sembra niente male.

Info: www.zylia.co

 

Luca “Luker” Rossi
Redazione ZioMusic.it

Vai alla barra degli strumenti