Pioneer DJ al Jazz Cafè

Un paio di settimane fa ci siamo recati al Jazz Caffè di Milano dove Pioneer DJ, grazie alla puntuale collaborazione di “First Class Pr” – l’agenzia che cura Ufficio Stampa, PR e Social Media di Pioneer DJ in Italia – ha organizzato un evento con pubblico opportunamente selezionato allo scopo di presentare la nuova linea di punta di diffusori per ”clubbing” XY (divisione Pioneer Pro Audio) ed illustrare il raffinato progetto acustico installato nello storico locale milanese. La serata ha visto una performance del DJ Claudio Coccoluto preceduta da un aperitivo e una cena al piano superiore del locale.

pioneer-jazzcafe1
Al piano inferiore gli invitati hanno potuto verificare, grazie al racconto del team Pioneer Pro Audio, il dettaglio dell’installazione composta da un totale di 46 diffusori di grandi dimensioni XY in grado di garantire una qualità del suono adeguata in tutti gli ambienti e soprattutto differenziata per il tipo di musica.

Per il locale è stata scelta una finitura della griglia cassa nella versione color oro, così da dedicare la giusta attenzione anche all’aspetto estetico, molto importante per un locale come il Jazz Cafè.
Veramente interessante poi l’implementazione col sistema Kuvo, che offre un plus espressamente dedicato all’utente. Si tratta di un’applicazione proprietaria di Pioneer DJ che permette di visualizzare la tracklist dei brani suonati direttamente sul proprio smartphone o pc, consentendo così di memorizzare live le performance musicali effettuate dai DJ. Peraltro attraverso il collegamento di rete e un account personale è possibile vedere live anche altre tracklists nei vari locali dove è presente Kuvo!

Luca Desina, country manager per l’Italia di Pioneer DJ Europe Ltd, è poi entrato nel dettaglio ed ha descritto il progetto audio sottolineando come, grazie alla collaborazione e sinergia con Pioneer Pro Audio, la scelta della linea XY sia stata particolarmente efficace in quanto ha permesso di selezionare diffusori diversi a seconda del posizionamento, rendendo di fatto il sistema modulare e molto controllato nella diffusione e nella direzionalità, uno dei punti più critici da rispettare e che il committente richiedeva espressamente.

Michel Corradi, product & marketing specialist per l’Italia di Pioneer DJ Europe Ltd, si è invece soffermato sull’importanza delle frequenze basse, affidate ai subwoofer appartenenti alla stessa linea, con ingombro contenuto e con una potenza adeguata per sopportare e supportare le performance dei DJ più esigenti.

pioneer-jazzcafe3

L’intero sistema è dotato e pilotato da finali Powersoft e connesso direttamente al setup Pioneer DJ Nexus 2, CDJ-2000nxs2 e DJM-900nxs2, tutti strumenti e macchine ben conosciute nel settore del DJing che completano la dotazione veramente di alto livello del locale.

Interessante anche il punto di vista del committente, il proprietario del locale Giuseppe Grasso che ha dichiarato:

“Il Jazz Cafè è un locale storico di Milano, ormai uno dei pochissimi dove si fa musica tutte le sere. E’ un punto di ritrovo sicuro per gli appassionati, un luogo dove poter ascoltare buona musica, cenare e partecipare al più movimentato dopo cena. Per il nuovo impianto di sonorizzazione al Jazz Caffè le esigenze erano fondamentalmente due: un sistema potente ed adeguato ai diversi generi suonati, che vanno dalla musica dal vivo acustica, jazz fino a più grintosi DJ set, ma che allo stesso tempo avesse una diffusione opportunamente circoscritta alle aree del locale per non dare fastidio alle abitazioni sopra il locale e nelle immediate vicinanze”, continua Giuseppe.
“Ammetto che quando ho visto i tecnici di Pioneer Pro Audio al lavoro nel locale, con tutte quelle casse installate, mi sono un po’ spaventato, ma avevo fiducia nel loro lavoro ed in fatti il risultato finale ha ampiamente soddisfatto le mie aspettative ma, ancor più importante, quelle dei miei clienti che sembrano apprezzarne la qualità sonora.”.

pioneer-jazzcafe2

La parte più tecnica si è quindi conclusa con una prova di ascolto che ci ha dato la possibilità di ascoltare il sistema all’opera. Per la serata era stato scelto un settaggio che potesse valorizzare la musica del DJ Coccoluto e quindi con un randagie di frequenze basse molto prominente e profondo ma, come abbiamo appreso, il “carattere” del sistema può essere cambiato in base a preset selezionabili.

Prima della performance dell’artista ci siamo goduti l’atmosfera e la cena al Jazz Cafè diventato ormai una realtà, purtroppo, molto rara a Milano e non solo.

La redazione

Vai alla barra degli strumenti