Carl Martin: overdrive PlexiTone Lo-Gain

Qual è la tipologia di pedale per chitarra più ricercata, più studiata e che contemporaneamente ha subito la maggiore impennata di prezzo medio negli ultimi anni?
Gli overdrive, pedali di saturazione che si specializzano in suoni dal pulito compresso al crunch. Ogni casa ha cercato di produrre dei pedali più o meno custom per ricercare le sonorità overdrive più particolari, per ricreare in un pedale il suono di quel canale di quel mitico ampli. Esistono ormai esempi di pedali overdrive come i Vemuram o i Free The Tone che superano ampiamente i 200€.

carl martin - plexi-lo-gain-5debd3c5

Tra questi pedali overdrive di fascia alta, di lusso potremmo dire, ci metto volentieri anche il nuovo Carl Martin PlexiTone Lo-Gain.
Molti di voi conosceranno il PlexiTone ed il PlexiTone Single Channel, che riproducono le sonorità crunch delle famose testate Marshall degli anni ’60. Le sonorità super-hi-gain sono oggi approdate a lidi timbrici diversi, mentre le ricercatissime saturazioni a basso gain sono ancora ‘prigioniere’ della grande musicalità del suono Marshall dell’epoca d’oro del rock&roll. Per questo Carl Martin ha deciso di dedicare un pedale specifico a queste sonorità low gain che servono non solo a saturare ed ottenere quel suono leggermente sporco e più graffiante, ma anche a colorare ed aumentare l’attacco magari di una chitarra uno po’ spenta.

Il Carl Martin Plexitone Lo-Gain è fatto per dare più sustain e morbidezza ai single-coil, mentre sugli humbuckers darà più punch. Messo in serie con altri pedali può essere l’arma segreta per fornire un boost e una sonorità più vellutata, tipica proprio di quelle testate poi soprannominate Plexi.

Con questo pedale stiamo su di un prezzo indicato di 194$. La qualità è ottima ed il prezzo non è così eccessivo come quello di altri overdrive. Io personalmente amo l’approccio di Carl Martin con il suo circuito di trasformazione della corrente a 12V che permette di avere più dinamica e dare molte più possibilità ai chitarristi con la mano sensibile. Quindi, pollice in su decisamente.

Info: www.carlmartin.com

Vai alla barra degli strumenti