ANTEPRIMA! Recensione EZ Drummer 2

Un paio d’anni fa avevamo realizzato un test comparativo che pochi, o forse nessuno, aveva mai fatto prima, comparando in modo meticoloso tre delle principali batterie virtuali in commercio (Vai alla Recensione). All’appello in quel test mancava un’importante azienda che è da anni sinonimo di batterie virtuali e arte del campionamento professionale: EZ Drummer di Toontrack.
Toontrack allora era in procinto di lanciare altri prodotti non dedicati al mondo della batteria ed aveva perso un po’ di smalto rispetto alla concorrenza citata in quell’articolo, finendo giù dal podio. Oggi però, dopo aver ripreso di gran lena lo sviluppo ed aver nel frattempo espanso notevolmente le librerie disponibili per EZ Drummer, l’azienda svedese è pronta a tornare alla carica con la seconda versione della sua famosa v-drum: EZ Drummer 2.

ez_drummer_2_upgrade

ZioMusic.it è stato scelto per realizzare una recensione in anteprima, ancora prima dell’uscita di EZ Drummer 2 programmata per il prossimo 6 maggio 2014.
Quando è uscito anni fa, EZ Drummer si affermò velocemente per la facilità di utilizzo e la qualità delle sue batterie campionate. Col passare degli anni però la concorrenza si è fatta molto agguerrita. Ce l’avranno fatta quelli di Toontrack a tornare sul gradino più alto del podio?
Scopriamolo!

Presentazione

EZ Drummer 2 è una batteria virtuale che non rivoluziona dal punto di vista del formato rispetto alla precedente uscita, lontana ormai diversi anni, tuttavia abbiamo potuto constatare che ogni singolo aspetto è stato migliorato.

EZ Drummer 2 - Main Screen

L’interfaccia del software si presenta simile alla precedente ma quello che notiamo subito è una maggiore definizione grafica e l’animazione del drumkit mentre suoniamo la batteria (è un dettaglio ma non fa male).
Notiamo anche immediatamente che il vecchio player che una volta era un software a parte, ora è stato integrato nella parte bassa dell’interfaccia. Questo si sincronizza automaticamente con la nostra DAW in quanto a tempo e trasporto, quindi lavorando in questa zona sarà esattamente come lavorare sulla nostra traccia di batteria. Ottimo e molto comodo.

EZ Drummer 2 - Search

E’ stata aggiunta anche la funzione Search, una delle novità migliori, che aiuta a trovare nella vasta libreria di EZ Drummer e tra i nostri groove personali ciò che ci serve effettivamente. Utilizzando dei tag di ricerca possiamo ricercare in modo trasversale tra le librerie i groove che si abbinano al nostro progetto o alle nostre esigenze del momento. Quindi possiamo scegliere il tempo, i pezzi che devono essere dominanti o non, la tipologia (verse, chorus, intro, fill, ending…) secondo le classiche categorie da construction kit, e ottenere come risultato della ricerca solo ciò che effettivamente ci può interessare. Tutto è ben ordinato ed efficace, ed evita di fare sessioni di ore di ascolto delle librerie per scegliere i groove.
Inoltre sono estremamente utili anche le nuove fuzioni Tap2Find ed MIDI Drop Zone dei nostri file Midi. La prima ci permette di inserire da mouse o controller MIDI un groove che abbiamo in mente ed ottenere il matching con le ritmiche della libreria più simili (vedi il video sotto nella Prova), il secondo esamina un nostro file MIDI e fa la stessa cosa ma partendo da quella fonte.

EZ Drummer 2 - Song Creator

Altro fondamentale contributo alla semplicità di utilizzo è la funzione Song Creator. Certamente possiamo realizzare con EZ Drummer 2 una parte di batteria da zero, inserendola da controller, suonandola su una batteria elettronica o programmandola manualmente, tuttavia se vogliamo lavorare velocemente usando i groove della libreria, il Song Creator ci permette di partire da un groove prescelto e di ottenere un construction kit con diverse scelte per ogni sezione (verse, chorus, intro, fill, ending) per poter creare una parte di batteria completa davvero in pochi minuti. Oltretutto se proprio andiamo di fretta EZ Drummer ci consiglia anche delle strutture di song molto usate già pronte e finite, ed in questo caso non dovremo far altro che trascinare il tutto nel player ed abbiamo già la pappa pronta.
Ho semplicemente amato questa funzione dal primo momento.

EZ Drummer 2 - Browser
Il Browser è lo stesso della vecchia versione e la libreria con i nuovi groove è ottimamente fornita, le variazioni sono decine per ogni tempo e genere.

EZ Drummer 2 - Main Scelta Pezzi

Entriamo però nel dettaglio anche dei suoni disponibili. Ci sono cinque drumkit completi di defaulf, divisi in tre categorie: Modern, Vintage e Pop/Rock. Le batterie campionate sono modelli eccellenti di marchi altrettanto eccellenti come DW, Ludwig, Yamaha, GMS e Gretsch; i piatti sono Sabian e Paiste, non ci sono gli Zildjian e Meinl ma se ne sente poco la mancanza perchè la scelta e la qualità sono ottime. La scelta dei rullanti è ancora più ampia e, oltre ai marchi già citati, troviamo anche rullanti Slingerland, Tama, Pearl, Brady Jarrah, Sonor e Rogers. Insomma, c’è da leccarsi le dita.
Questi drumkit possono essere costruiti partendo da una delle tre categorie sopracitate e poi personalizzati in ogni singolo pezzo, compresa l’accordatura del pezzo ed il suo volume.
Uno dei punti di forza di Toontrack è sempre stata l’espandibilità del software con add-on aggiunti nel tempo e credo che nei mesi a venire non tarderanno ad arrivare nuovi drumkit e librerie per ogni genere ed esigenza. Inoltre tutte le librerie del vecchio EZ Drummer sono compatibili e possono essere utilizzate nella nuova versione.

EZ Drummer 2 - mixer

Da ultimo guardiamo il Mixer ed anche qui troviamo alcuni miglioramenti. Ben sedici output diversi per mixare ogni pezzo o gruppi di pezzi nella nostra DAW, più una sezione effetti che cambia a seconda del drumkit scelto e del preset, tra cui riverbero, compressione, drive, equalizzazione e altro ancora.

La Prova

Provando EZ Drummer 2 la differenza con la prima versione è notevole, non solo per le nuove funzioni, ma anche nei suoni. Noi abbiamo provato la versione a 64-bit (ce n’è anche una a 32-bit) e la qualità dei campionamenti (tutto è stato registrato e processato a 24-bit) suona subito migliore all’orecchio. Il suono è più definito, più profondo e realistico, ed i livelli di velocity sono maggiori e più graduali, permettendo un realismo che raggiunge il top tra le batterie elettroniche in commercio. I campioni sono lunghi e non si sentono mai code tagliate, nemmeno nei piatti, che hanno spesso campioni che durano diversi secondi.

Quello che mi piace di questa v-drum è che si ha l’impressione di lavorare con un vero batterista session man. Si può chiedergli di tutto: suona più piano, aggiungi più rullante su questo groove, più cassa, cambia questo pezzo, fammi un fill in questo punto, ecc. Il workflow è quindi sempre guidato e naturale, senza eccessivi tecnicismi e con un’ottima profondità di customizzazione.

Ho realizzato qui un video per dimostrare la rapidità con cui si riesce a creare da zero una parte di batteria completa. Potrete sempre passare ore a modificare ogni singolo colpo ma, con un po’ di esperienza, in circa 10 minuti potrete già ottere una parte finita di buon livello. Il risparmio di tempo è sensibile e chi ci lavora spesso ringrazierà ogni giorno per questo.

Per ascoltare la qualità dei suoni e come suonano i diversi preset, ho registrato alcune parti di batteria da sole, usando l’utile funzione di export che consente di fare rendering audio in formato Wav (o MIDI se volete) di tutto ciò che c’è nel player. Chiaramente nella nostra DAW avremo tutti gli output separati e potremo intervenire con channel strip e plug-in in modo chirurgico per registrare/mixare la batteria al meglio, qui però mi sono limitato a ciò che EZ Drummer 2 contiene, senza ‘doping’ esterno, per ascoltare la buona qualità che il software è in grado di fornire anche a chi non possiede nient’altro o vuole lavorare in velocità.

Conclusioni

Come potete sentire e vedere, EZ Drummer 2 ha davvero colpito nel segno. Dopo aver preso qualche metro dagli avversari, ora ritorna saldamente al suo posto tra le migliori batterie virtuali in circolazione.

I suoni a 24 bit sono finalmente al passo con i tempi e la qualità di registrazione attuale. Questi suoni ora possono ben figurare anche in mix definitivi e non solo in produzioni demo.

Mi risulta veramente difficile trovare dei difetti a questo software, a questo prezzo. Se proprio devo trovare un piccolo neo, devo dire che gli effetti non sono di qualità eccelsa; i riverberi, i delay, i compressori, non ti fanno gridare al miracolo. Io personalmente userei quelli della mia DAW e risolverei così il problema.

Il workflow è molto chiaro, le funzioni complete e la possibilità di personalizzare ogni groove del dettaglio è semplicemente impressionante. Si possono creare parti di batteria realistiche e continuamente dinamiche e variabili, a differenza di prima in cui l’effetto copia/incolla era molto evidente.

Il risparmio di tempo per pre-produzioni, basi, demo e lavori veloci è notevole. Quando andrete a produrre seriamente poi spenderete comunque le vostre belle ore a modificare fino all’ultimo dettaglio, ma per i lavori veloci EZ Drummer 2 fa molte cose da solo, e le fa già ad un buon livello.
I preset non sono tantissimi ma sufficienti ed aiutano a trovare dei buoni punti di partenza o lavorare con estrema rapidita.

Il prezzo di 139€ è assolutamente concorrenziale, se non inferiore agli altri e la sua espandibilità

 

 

Si ringrazia Toontrack ed il distributore italiano Midiware per la cortese collaborazione.

 

Luca “Luker” Rossi
Redazione ZioMusic.it

 

Info: www.toontrack.com

Info: www.midiware.it

  1. […] Noi di ZioMusic.it abbiamo avuto l’opportunità di testarlo in anteprima. Se volete saperne di più non dovete far altro che leggere la nostra recensione approfondita (Vai alla Recensione). […]

  2. […] Noi di ZioMusic.it avevamo recensito in anteprima EZdrummer 2 alla sua uscita lo scorso anno. Se volete saperne di più di questa batteria campionata, tra le migliori e più realistiche in circolazione, vi consiglio di andarvi a guardare ed ascoltare la nostra recensione (a questo link. Vai!) […]

Comments are closed.

Vai alla barra degli strumenti