Il libro del Prog Italiano

giunti il libro del prog italiano“Il libro del Prog Italiano” è un libro la cui recensione avevamo già programmato da diverso tempo per oggi, ed a cui mi permetto di aggiungere queste righe perchè una beffa del drammatico destino ha voluto che proprio poche ore fa ci lasciasse uno dei protagonisti che questo volume racconta in modo speciale ed a cui hanno collaborato: Francesco Di Giacomo, voce del Banco del Mutuo Soccorso.
Credo che Francesco sarebbe contento di quanto è scritto del Banco e della sua voce “splendida e caratteristica….tra le migliori del pop italiano“.

E’ un libro corposo, di circa 240 pagine, composto da tre parti ben distinte frutto della scrittura di altrettanti autori. John N. Martin, Sandro Neri e Michele Neri si occupano ognuno di stendere ciascuno una parte.
Il primo, Martin, realizza un’interessante cronistoria che contestualizza il prolifico movimento Prog (da Progressive) italiano anno per anno dal 1967, anno di nascita del genere, al 1976, quando la protesta politica, il genere punk nascente e “la fine dell’ideologia della festa e il fallimento della prospettiva di una Controcultura unita” decretarono la fine del Prog italiano.

Sandro Neri invece testimonia, aggiungendo anche una bella raccolta di fotografie e manifesti, i più grandi eventi che in quegli anni videro sui palcoscenici di tutta Italia i grandi gruppi Prog che in questo libro sono raccontati.

Michele Neri si occupa di catalogare, biografare e recensire oltre cento gruppi tra i più importanti e di culto che hanno reso il Progressive italiano un genere apprezzato e stimato non solo nel nostro Paese ma in tutto il mondo.

In questo libro sono raccontati dai gruppi più importanti quali gli Area, la Premiata Forneria Marconi e il Banco del Mutuo Soccorso, che sono recensiti nel dettaglio in tutti i loro dischi con ottima perizia e dettaglio, ai gruppi cult che hanno prodotto anche un solo disco come i Kaleidon, con il loro “Free Love”, giudicato “uno degli esempi migliori di jazz rock realizzato in Italia“.

Per il sottoscritto, che è nato alcuni anni dopo la presunta fine di questo movimento ma che ne è estimatore, questo libro è una porta sul passato che consente di scoprire perle del passato fin ora poco o per nulla conosciute ai più. Un’occasione per andare a riscoprire dischi di grande spessore culturale, che hanno segnato un’epoca in cui la musica pop aveva raggiunto apici di epicità e complessità ma più visti negli anni successivi.

L’unica pecca è forse solo questa tri-partizione che da quasi l’impressione di avere tre libri differenti. Tuttavia il continuo passare dalla cronistoria, al racconto dei concerti, alle biografie dei gruppi citati, in uno stesso volume, permette di una conoscenza approfondita di un periodo magico per la musica italica senza troppo sforzo.
Una lettura assolutamente interessante da accompagnare senza dubbio alla ricerca ed all’ascolto almeno degli album seminali per questo genere.

“Il libro del Prog Italiano”

Autori: John N. Martin, Michele Neri, Sandro Neri
Editore: Giunti
Collana: Bizarre
Pagine: 240
Dimensione: 21.5×27.7cm
Lingua: Italiano
ISBN – EAN: 9788809784390
Data di pubblicazione: 2013
Prima edizione: ottobre 2013
Prezzo: copertina 22€, promozione Giunti Store 18.70€

 

Info: www.giunti.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti