Come promuovere la propria musica oggi – Facebook

E’ possibile essere artisti oggi e stare senza social network? La risposta può variare da probabilmente ad assolutamente no, ma chiunque non viva sulla Luna vi dirà che i social network sono una delle risorse principali che in questo momento si devono utilizzare per promuovere la propria musica. I motivi sono presto detti: miliardi di persone hanno accesso a questi media; il costo di accesso è zero; grazie a tablet e smartphone possiamo stare collegati con chi ci segue dovunque siamo; se siamo bravi possiamo sfruttare il fenomeno virale per ottenere un’esplosione di visibilità altrimenti impossibile per gli artisti emergenti.

facebook_logo_sbieco

Ma è tutto così facile, efficace e gratuito? A questa domanda potrete avere, a seconda del vostro interlocutore, le risposte più disparate, poichè la realtà è che i social network sono molti, sono in continuo mutamento giorno dopo giorno e, soprattutto, sono aziende, tutte ormai quotate in borsa (le maggiori almeno), che agiscono con logiche che spesso non amano condividere con l’utente comune.
In questo articolo parleremo del social network per eccellenza, Facebook, che nonostante qualche passo falso tra la quotazione in borsa e cambiamenti poco apprezzati, è ancora di gran lunga il più utilizzato e diffuso in tutto il mondo.
Quello che cercheremo di fare è un piccolo excursus su come promuovere la propria attività musicale, quali sono gli errori da non fare, quali sono le migliori strategie ad oggi per ottenere una buona resa e qualche piccolo trucco, o accorgimento, per una comunicazione più efficace.

La Pagina Artista

La prima cosa che dovrete fare, se volete avere un impatto ragionevole, è aprire una vostra pagina artista. Questo tipo di pagina è uno spazio/sito diverso dalla vostra pagina personale. A nessuno dei vostri fan probabilmente fregherà di sapere cosa avete mangiato per pranzo (se siete quel tipo di spammer sui social) o di vedere le foto sceme che vi inviano i vostri amici delle medie. Differenziate quindi la vostra vita privata dall’attività artistica e aprite una Pagina Artista, che vi permetterà di non avere limiti di amici (le pagine personali hanno il limite a 5,000 amici) e di usufruire di altre funzioni dedicate che vedremo qui di seguito.

Le Informazioni Giuste su di Voi

Una volta creata la pagina non fate l’errore comune di non fornirla di tutte le informazioni utili per conoscervi e rintracciarvi. Internet è un mezzo molto dispersivo, la gente non si comporta tutta nello stesso modo e spesso non in modo ordinato. Ogni informazione in più che metterete, indirizzo di posta, sito ufficiale, o numero di telefono (se volete, non sempre è la cosa ottimale per la vostra privacy) sarà un aggancio per attrarre un visitatore, un potenziale acquirente della vostra musica o un nuovo fan.
Siate quindi prodighi di informazioni ma non mettete cose a caso. Curatele, sono la vostra vetrina e ciò che potrebbe essere usato ‘contro’ di voi. Non scrivete la storia della vostra vita, nessuno ama leggere pagine e pagine di ‘ho fatto questo e quello‘, imparate a sintetizzare in modo intelligente, spiegando chi siete, cosa fate e le cose più importanti che vi riguardano.

Ecco cosa proprio non potete dimenticare di mettere:

  • Biografia: non è importante che sia una vera e propria Bio, deve essere breve ma soprattutto attraente e scritta nello stesso stile della vostra musica. Qualcosa che parli di voi per come siete musicalmente e sul vostro modo personale di vedere ciò che fate.
  • Descrizione: diversamente dalla Bio, qui dovete essere più precisi possibile nel descrivere la vostra musica, le vostre influenze e cosa vi rende diversi, o simili a qualcun altro che i vostri visitatori posso già conoscere.
  • Genere: è sempre brutto darsi una definizione di genere, soprattutto quando si è originali. Siate anche generici, ma aiutate a capire come suona la vostra musica. Inoltre verrete indicizzati da Facebook secondo quel genere, per consigliarvi ad altre persone che hanno lo stesso interesse.
  • Membri del gruppo: sembra una cavolata ma Facebook funziona un po’ come un condominio, se conosciamo qualcuno allora i fatti suoi ci interessano di più. Qualcuno potrebbe non conoscervi direttamente ma conoscere qualcuno del gruppo. La tecnica degli amici degli amici ha sempre funzionato, dalla malavita all’era dei social. Usatela.
  • Sito Web: potete avere anche solo la pagina Facebook ma crescendo avrete bisogno anche di uno spazio personale, senza vincoli, tutto vostro e che potete cambiare a piacimento secondo le esigenze. Fatevi un sito, non esiste solo Facebook.
  • Contatto Stampa: il consiglio è sempre quello di avere un indirizzo e-mail di riferimento. La cosa migliore è avere un indirizzo non generico, ma personalizzato. Fa un’impressione migliore, più professionale e vi aiuterà a tenere separata la vostra attività artistica da tutto il resto.

fbfriends

“Mi Piace”

Quanti “Mi Piace” (o “Like”) dovete avere? La risposta è ovvia ma non semplice: più possibile. E’ chiaro che più Like avrete alla vostra pagina e più i vostri post saranno letti, la vostra visibilità ne guadagnerà, sarete stimati e le vostre date si faranno praticamente pubblicità da sole.
Infatti oggi il numero di Follower o Like è usato come biglietto da visita o come numero indicatore della popolarità di un personaggio. Tuttavia è bene sapere che gli utenti falsi creati su Facebook da società apposite che vendono finti “Like” sono centinaia di milioni. Questo numero quindi è da prendere molto con le molle.
Approssimativamente un buon numero considerato ragionevole per ottenere risultati significativi alle vostre iniziative va dai 2 ai 10 mila Like.

Ecco qualche consiglio per guadagnare rapidamente un po’ di Like:

  • Invitate i vostri amici a mettere “Mi Piace” sulla vostra pagina. Tutti lo fanno, non abbiate timore. Non è automatico che lo faranno, siamo inondati di queste richieste tutti i giorni, quindi spesso le ignoriamo. Meglio ripetere l’operazione una volta ogni due-tre mesi, più spesso può risultare fastidioso.
  • Date un nome fisso alla vostra pagina. Una volta scelto non lo potrete più cambiare, quindi sceglietelo bene, ma vi aiuterà ad essere riconosciuti meglio. E’ sicuramente preferibile “TheBraveDragon” piuttosto che “zio20320230538530”!
  • Sul vostro sito, su tutti i siti, video e mail, su tutto ciò che vi riguarda ricordatevi di mettere il nome della vostra pagina FB.
  • Annunciatelo sempre nei vostri concerti, vi stupirete di quanta gente andrà a cercarvi nel giro di poche ore.
  • Fare un annuncio sponsorizzato ogni tanto, magari spendendo 10-15 euro a volta, vi aiuterà a mantenere costante la crescita dei Like. Ne parleremo più sotto.

facebooklineunlike

 I Post

Avere una buona strategia per i post è altrettanto importante rispetto al contenuto degli stessi post. Infatti ci sono un po’ di consigli che potete seguire per rendere i vostri post più efficaci e non sprecare contenuti o stati che pochi o addirittura nessuno vedrà. Ovviamente potete esprimervi liberamente nei post, più vi lascerete ispirare dalla creatività e più renderete i vostri post personali e più i vostri utenti ne rimarranno coinvolti.
C’è una cosa importante da sapere sul funzionamento di Facebook e delle Pagine. Se inizialmente, parliamo di prima del 2010, ogni Like su una pagina garantiva al follower di vedere tutti i post delle pagine preferite, dal 2010 in avanti Facebook ha introdotto un algoritmo ‘intelligente’ per ottimizzare la visualizzazione dei contenuti delle Pagine sulle bacheche personali. Ottimizzare vuole dire che non tutti i post della pagina verranno visualizzati da tutti i follower. L’algoritmo decide autonomamente, secondo le interazioni del follower con quella pagina, i suoi interessi, ed i contenuti dei post, se un dato post può interessargli o meno. Questo perchè nel tempo le iscrizioni e le pagine stesse sono diventate tali e tante da rendere le bacheche quasi ingestibili.
La cosa più antipatica è che Facebook ha progressivamente stretto il ‘collo dell’imbuto’ del suo algoritmo, portando la percentuale di post visualizzati spontaneamente dal 100% del 2010 ad una percentuale variabile tra il 2% ed il 20% di oggi. Questo per spingere sempre di più gli utenti delle pagine a creare post ed inserzioni sponsorizzate per aumentare questa percentuale e di conseguenza l’efficacia della Pagina. Ovviamente Facebook nel tempo tenderà sempre più a monetizzare il ‘vostro’ patrimonio di follower e questo potrebbe alla lunga spingere gli utenti verso altri social network più friendly e meno costosi.

Ecco qualche consiglio per ottenere il massimo senza spendere:

  • Pubblicate un numero ragionevole di post. E’ inutile postare ogni 10 minuti, servirà solo ad infastidire chi vi segue già. Le agenzie di comunicazione solitamente si pongono il limite massimo di un post ogni ora. Personalmente lo trovo già eccessivo. Quattro, cinque post al giorno è già un buon numero.
  • Pubblicate i post nelle ore di punta, non alle 2 di notte. A meno che il vostro target siano i custodi notturni, le ore migliori in cui la gente guarda di più le bacheche sono dalle 8:30 alle 10:30
  • Una ricerca dimostra che i post con foto hanno una probabilità del 60% in più di essere visti rispetto ai post solo scritti. Aggiungete sempre una foto ai vostri post, una foto divertente, o descrittiva di ciò che state dicendo.

 

Le Foto e le Gallery

Le gallery sono una delle cose che più vengono visualizzate su Facebook. Una buona organizzazione delle vostre foto darà alla vostra pagina un aspetto più ordinato e aiuterà chi vi vede per la prima volta a farsi un’idea.
Se avete molte foto dei concerti dividetele per data, così chi è venuto a vedervi potrà andare a rivedere solo quel concerto. Dividetele per argomento e fate si che non ci siano troppi doppioni.
Una buona idea, anzi ottima, è quella di farsi mandare le foto dai fans e metterle sulla pagina. Coinvolgere il pubblico nelle attività social ha sempre un ottimo ritorno, sia di immagine che di “Like”.
Una tendenza dei locali notturni, che si sta diffondendo ora anche ai concerti, è quella dei fotografi social. Avrete visto spesso in diversi locali gente che fotografa e magari chiede il nome per mettere il vostro tag alla foto su Facebook. Consenso permettendo, più tag metterete nelle foto della vostra pagina e più interazione e seguito avrete. Se avete un minimo di budget che avanza (difficile ma possibile), ingaggiare un amico o un professionista per fare questo lavoro può essere un buon investimento.

La Visibilità e gli Annunci Sponsorizzati

Facebook, come detto, sta cambiando politica nel tempo. La monetizzazione delle ‘proprie’ banche dati è sempre più spinta. La Pagine stanno subendo questo processo in modo abbastanza drastico. Ci sono anche cause in atto di possessori di pagine con business molto significativi che si sono visti il traffico ridotto ad un terzo a causa del cambio degli algoritmi. Il prezzo per avere una visibilità molto alta e continua sulle pagine di Facebook, mi spiace dirlo, è un investimento costante e non indifferente.
Si possono raggiungere buoni obbiettivi gratuitamente? Si, è ancora possibile, ma non più come una volta, e sarà sempre meno possibile. Questo finchè la base di utenti non troverà un social network altrettanto attraente e non costringerà Facebook a cambiare politica allargando nuovamente le maglie.

Con qualche centinaio di euro all’anno è possibile in ogni caso fare delle campagne mirate per ottenere più Like, promuovere concerti e video ed iniziative importanti per la vostra band.
Mettiamola così: se una volta si spendeva in volantini e poster, ora si spende per Facebook. Di fatto per dare una marcia in più alla vostra comunicazione su questo social, qualche quattrino prima o poi dovrete considerare di spenderlo.

 

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti