Intervista a Osvaldo Di Dio

Una video intervista in due atti ad uno dei chitarristi più in voga degli ultimi tempi: Osvaldo Di Dio.
Anche se ultimamente la redazione aveva previsto di concedere più spazio a strumentisti ed artisti non necessariamente legati al mondo delle sei corde, non potevamo perdere questa ghiotta occasione.
Osvaldo è venuto in tour con Cristiano De Andrè (una della collaborazioni attuali) proprio nella mia città e, grazie al nostro amico comune Guido Block (anch’egli redattore per lo Zio), abbiamo concordato in poco tempo di fare un’intervista nello spazio che divide il sound check dallo show.

In realtà ho scoperto subito che Osvaldo, forse da buon partenopeo qual è, è molto alla mano e per di più anche decisamente avvezzo a parlare davanti alle persone, così che l’intervista si è svolta praticamente "on-the-fly" e in maniera molto informale.
A trent’anni di età Osvaldo può già contare su una carriera molto lunga e un’attività di musicista che parte in età giovanile con gli studi di pianoforte.
E’ verso i sedici anni circa che comincia seriamente lo studio della chitarra e, fortunatamente per lui, approccia lo strumento da diversi stili e diversi generi musicali. Questo suo essere eclettico sarà poi proprio la sua carta vincente per la sua attività di turnista e per la sua attività di docente.

Effettivamente Osvaldo è uno di quei chitarristi che mi piace definire tipo "senza troppe menate", nel senso che il suo è un approccio concreto: si occupa di pensare, arrangiare e suonare le parti di chitarra restando sempre in un tema musicale definito e mettendosi al servizio della canzone stessa. Uno di quei musicisti a cui il produttore deve dire giusto un paio di parole e poi dormire tranquillo…
Probabilmente questa è anche una delle ragioni che gli ha permesso di toccare con mano "il sacro graal della musica italiana", come lo ho lui stesso definito, ossia la musica infinita di Fabrizio De Andrè che rivive oggi nello spettacolo del figlio Cristiano.
Nella fattispecie lo show è godibile e ad Osvaldo vengono affidati anche momenti solisti importanti che lui sa sapientemente sfruttare in maniera precisa ed efficace ma senza mai eccedere in virtuosismo o atmosfere fuori dal "mondo" emozionale della canzone.
In particolare i suoni sono sempre perfetti, chiari, a fuoco, complice anche un ripresa e un mix strepitosi del fonico FOH Giancarlo Pierozzi. 

Ma abbiamo avuto il piacere di ascoltare Osvaldo anche in altri momenti musicali dove la sua chitarra rimane sempre e comunque per quello che è…una chitarra. Quest’ultima sembra un’affermazione bislacca ma, andando ben a leggere tra le righe, si intuisce che la volontà di chi scrive è proprio quella di far capire che l’idea di chitarrista (che poi coincide con quella di Osvaldo) è quella di considerarlo un membro di una band, al servizio di una musica e di una canzone.

Soprattutto se si fa musica popolare, mediterranea o comunque cantautorale è l’arrangiamento e l’incastro ritmico-armonico della chitarra che valorizzano e arricchiscono la musica. C’è poi il tempo dei fraseggi e dei ricami solistici che il nostro affronta sempre con preparazione tecnica e personalità.
L’approccio di Osvaldo, che in maniera lungimirante queste cose le aveva capite ben presto, è quello del musicista eclettico, dello studioso della musica tramite il suo strumento al momento preferito: la chitarra.
Sarà anche per questo che ad oggi è uno dei chitarristi più richiesti nel nostro Paese? Che suoni come monito ai più giovani…

Ecco infine per tutti i chitarristi il setup di Osvaldo:

  • Fender Custom Shop ’51 Nocaster Masterbuilt by Greg Fessler
  • Maton EBG 808-TE
  • Contreras Flamenco con sistema di amplificazione di Roberto Fontanot
  • Testata Mesa Stiletto Deuce
  • Cassa Dragoon con coni Celestion Greenback
  • Real McCoy Whizard Wha
  • Ibanez TS 808
  • Xotique AC Plus
  • Diamond Compressor
  • Voodoo Lab Tremolo
  • Arion Stereo Chorus
  • Eventide Pitch Factor
  • TC Electronic Nova Delay

Info: www.osvaldodidio.com

Info: www.myspace.com/osvaldodidio
 

Aldo Chiappini
Redazione ZioGiorgio

Luca "Luke Reds" Rossi
Redazione ZioMusic

 

 

 

Vai alla barra degli strumenti